Nella mia città c’è il bello della periferia

FILIPPO LUBRANO

Filippo Lubrano (La Spezia, 1983), ingegnere, giornalista e autore di due romanzi (l’ultimo dei quali “Radici Aeree”). Dopo 8 anni in Iveco sui mercati di Africa e Middle East e Asia, e uno da startupper a New York, è ora consulente in ambito internazionalizzazione e innovazione, prima in ambito arredamento di lusso (in Schiffini) e ora su cybersecurity e blockchain. È membro del collettivo di poeti dei “Mitilanti” e Presidente dei Giovani di Confcommercio. Il suo sito è www.filippolubrano.it

Il Tavolo della Periferia vuole assurgere a luogo di sperimentazione sociale nella comunità della Spezia. Ambiamo a comprendere tutto ciò che è innovazione, specialmente se viene dal basso, e interfacciarci con tutti gli attori della società per promuovere iniziative partecipate e riattivare la scala mobile sociale. La periferia è la città che può – e deve – permettersi di osare.

Sogno una città che abbia un incubatore di imprese di livello internazionale, che dialoghi con le eccellenze già presenti nel territorio come il Polo Universitario Marconi e le industrie del Miglio Blu della Nautica. E poi una periferia che diventi il centro di domani, ospitando iniziative capaci di sviluppare il confronto intergenerazionale come il guerrilla gardening, la street art, manifestazioni poetiche diffuse (perché questo è ancora un golfo per poeti!).

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi